È arrivato l’aggiornamento Core Web Vitals di Google: e Ora?

29 Luglio 2021

Dopo aver annunciato che i Core Web Vitals sarebbero stati introdotti nelle ricerche nel 10 novembre 2020, Google ha finalmente rilasciato il suo temuto aggiornamento di Page Experience in due round, uno terminato il 12 giugno, un altro lanciato più rapidamente, completando efficacemente il tanto atteso update Core Web Vitals il 7 luglio 2021.

Ci sono state molte chiacchiere e una discreta dose di panico tra i professionisti SEO e i proprietari di siti web sul potenziale impatto di questo aggiornamento – che Google si è preso la briga di annunciare in anticipo – e sulle prestazioni di ricerca dei siti web. Dopo quasi un mese, possiamo trarre delle conclusioni, sfatare alcuni miti e ridurre il panico generale e la confusione dovuti all’aggiornamento Core Web Vitals di giugno-luglio 2021.

Cosa Sono i Core Web Vitals?

I Core Web Vitals sono tre indicatori di performance (KPI) rispetto ai quali Google misura la qualità complessiva dell’esperienza dell’ utente. I Core Web Vitals includono velocità di caricamento, interazione dell’utente e stabilità visiva. Questi tre KPI sono denominati Largest Contentful Paint (LCP), First Input Delay (FID) e Cumulative Layout Shift (CLS).

I Core Web Vitals non sono una novità, poiché Google ha sottolineato da tempo la necessità di fornire la migliore user experience possibile, passando all’indicizzazione mobile da marzo 2021 e fornendo il proprio strumento per diagnosticare l’esperienza in pagina e i problemi di caricamento con Page Speed Insights. Pertanto, non dovrebbe sorprendere il fatto che Google stia dando sempre più importanza alla User Experience (UX) e alla velocità delle prestazioni dei siti web. I Core Web Vitals fanno parte di un insieme più ampio di indicatori che Google utilizza per fornire alla Page Experience un punteggio complessivo.

Per aiutarti a diagnosticare e agire sul tuo Core Web Vitals score, Google ha aggiunto una scheda Core Web Vitals nella sezione experience di Google Search Console. Lì puoi visualizzare le prestazioni dei Core Web Vitals, il numero di URL che hanno un punteggio “scarso” e che “necessitano di miglioramento”.

Ottimo, ora hai scoperto cosa pensa Google del tuo sito web. È tempo di capire un po’ di più sul motivo per cui il tuo sito non funziona e su cosa puoi fare per prevenirlo.

Diamo un’occhiata a come Google valuta il tuo sito web e capiamo meglio ogni metrica.

Largest Contentful Paint

Per farla breve, Il Largest Contentful Paint (LCP) misura il tempo necessario affinché l’elemento di un contenuto più grande (di solito il più importante) nelle tue URL diventi visibile. Il punteggio finale sarà il tempo medio necessario per rendere visibile il contenuto principale della pagina; quindi, il più grande fattore che influenza il Largest Conentful Paint è in genere la velocità di caricamento. Un server disordinato, risorse che bloccano il rendering, tempi di caricamento lenti e rendering lato client sono spesso i colpevoli se non fanno superare l’audit Core Web Vitals per un LCP non valido. Il LCP è correlato a First Contentful Paint, che misura il tempo impiegato da un utente per visualizzare il primo contenuto DOM sullo schermo.

Google assegna il punteggio di Largest Contentful Paint con le seguenti categorie:

  • buono – tra 0 e 2,4 secondi
  • necessita di miglioramenti – tra 2,5 e 4 secondi
  • scadente – 4 secondi e oltre
    user to see the first DOM content on screen.

First Input Delay

Il First Input Delay (FID) misura il tempo da quando un utente interagisce per la prima volta con il tuo sito web – che si tratti di un clic, un tocco, un evento Javascript – e il browser può rispondere a tale interazione. In poche parole, è il tempo che trascorre tra la prima interazione di un utente con il tuo sito e la risposta del browser a quella prima interazione, misurato in millisecondi. Il FID non considera lo scorrimento e lo zoom come prima interazione; pertanto, non include queste azioni nel punteggio.

Anche se il calo dell’attenzione è probabilmente un mito, fare una buona impressione è fondamentale, soprattutto online, dove gli utenti hanno poca o nessuna pazienza e alternative praticamente infinite.

Ci sono pochissimi dubbi su ciò che può causare un First Input Delay sul tuo sito e in genere si tratta di un’esecuzione pesante di Javascript. L’ottimizzazione dell’analisi e dell’esecuzione di Javascript sulle pagine migliorerà direttamente il FID.

Google assegna il punteggio di First Input Delay con le seguenti categorie:

  • Buono – tra 0 e 100 ms
  • Necessita di miglioramenti – tra 100 e 300 ms
  • Scarso – superiore a 300 ms

Cumulative Layout Shift

Un’altra metrica relativa alla UX è il Cumulative Layout Shift (CLS), un indicatore essenziale che quantifica la frequenza con cui gli utenti sperimentano improvvisi cambiamenti di layout. Più basso è il CLS, migliore sarà l’esperienza dell’utente. Movimenti improvvisi nella struttura della pagina possono influire sulla UX, disturbando il lettore e alterando l’aspetto del sito. Ogni volta che un elemento visibile cambia posizione in frame consecutivi, il crawler registra uno spostamento del layout. Il punteggio CLS che puoi trovare in PageSpeed Insights e Google Search Console è una misura dei punteggi di spostamento del layout più significativi durante l’intero ciclo di vita di una pagina web. Il modo in cui viene calcolata la metrica CLS è cambiato di recente, utilizzando burst di spostamento del layout anziché considerare l’intera sessione e sommare i punteggi, dando più giustizia alle pagine progettate per rimanere aperte più a lungo (e che quindi avrebbero un CLS gonfiato).


Google classifica il CLS come:

  • Buono – inferiore a 0,1
  • Necessita di miglioramenti- tra 0,1 e 0,25
  • Scarso – superiore a 0,25

I Core Web Vitals Influiscono Sulla SEO?

La risposta è sì. E lo hanno sempre fatto. I Core Web Vitals influiscono sull’esperienza utente del tuo sito web; quindi, avevano già influenzato il ranking del sito prima ancora che Google lo rendesse un fattore di ranking ufficiale tra giugno e luglio 2021. I risultati di Searchmetrics su uno studio sui Core Web Vitals fatto da Marcus Tober nell’aprile 2021 (quando Google non aveva ancora implementato l’aggiornamento della Page Experienxe) mostrano una forte correlazione positiva tra le prestazioni di Core Web Vitals e i Google Rankings. La correlazione, calcolata su un campione di oltre 2 Milioni di URL, va da 0,04 a 0,2 per le varie metriche e si prevede che aumenti ora che Google ha introdotto la Page Experience nella ricerca.

Anche se questa correlazione è dimostrata, lo studio afferma ancora che solo il 4% di tutti i siti supera l’audit Core Web Vitals, il che significa che puoi comunque classificarti bene, anche se non offri una UX perfetta.

Questo dovrebbe significare che puoi ignorare i CWV?
No.

A volte Google può ignorare gli errori di Core Web Vitals per i siti Web che funzionano ancora alla grande in termini di CTR o hanno un dominio super autorevole. YouTube, ad esempio, si posiziona ancora bene nonostante abbia LCP e FID scarsi e un CLS migliorabile. Come mai? Perchè è YouTube, ha miliardi di utenti attivi mensili e ci si aspetta abbia un ottimo CTR. Se altri siti ce la fanno, non significa che non dovresti sforzarti di creare la migliore esperienza utente possibile.

D’altra parte, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico, poiché ci sono oltre 200 fattori di ranking e i Core Web Vitals giocano un ruolo, ma l’attenzione alla qualità e ai contenuti pertinenti dovrebbe sempre essere la spinta del tuo business.

Come Vengono Misurati i Core Web Vitals?

Google misura i Core Web Vitals raccogliendo dati anonimi dagli utenti di Chrome per calcolare il loro Core Web Vitals Score e li rende disponibili per tutti nel Chrome User Experience Report (CrUX). Google utilizza i dati CrUX per valutare ogni sito Web e li aggiorna ogni 28 giorni, in modo simile a PageSpeed Insights.

Ci sono due modi in cui puoi valutare le prestazioni del tuo sito web riguardo ai CWV:

  1. CrUX (dati del mondo reale) – Google ha reso la sua CrUX API disponibile gratuitamente, una fonte di dati raccolti da visitatori reali che arrivano al tuo sito e quindi rappresentativi della tua audience. Questo tipo di dati, chiamato anche Field Data, è la fonte che Google utilizza per valutare le tue pagine relativamente alla Page Experience. Lo svantaggio dell’utilizzo di CrUX è che i dati sono disponibili solo per le pagine più popolari sul Web, il che significa, nella migliore delle ipotesi, che i punteggi CrUX sono disponibili solo per una manciata di pagine del tuo sito. Fortunatamente, CrUX presenta un origin summary che riassume i dati per il tuo sito a livello aggregato.
  2. Pagespeed Insights (dati di laboratorio) – Forniti da Google e alimentati da Lighthouse, gli approfondimenti di PageSpeed misurano le prestazioni della pagina a livello di URL. Puoi inserire gli URL più importanti del tuo sito per diagnosticare cosa non va e cosa funziona e creare un registro delle attività tecniche per migliorare le tue prestazioni e, infine, il tuo punteggio PageSpeed. I dati PageSpeed ora includono un riepilogo delle prestazioni di origine da CrUX e, se disponibili, i dati CrUX per l’URL specifico.

Come Controllare e Migliorare i Tuoi Core Web Vitals

Eccoci qui. Ora sai esattamente (o almeno in parte) cosa sono i Core Web Vital, quanto sono importanti e come si comporta il tuo sito in quell’ambito. Sai che il tuo sito non sta superando i test CWV di Google e hai visto il tuo ranking scendere o semplicemente vuoi migliorare l’UX del tuo sito indipendentemente dai Core Web Vitals. Come controlli il tuo sito web e migliori i tuoi punteggi CWV su larga scala?

Ecco cosa ti servirà:

Suggerimento: gli audit Ahrefs ora includono i dati CrUX e PSI per il tuo sito web. Se sei abbonato ad Ahrefs, puoi aggiungere le colonne CrUX e PageSpeed approfondimenti al tuo report di Esplora pagine.

  1. Ottieni l’API PageSpeed Insights e collegala a Screaming Frog
  2. Scansiona il tuo sito web
  3. Esporta la scansione
  4. Elabora i dati su Excel
  5. Crea un report su Data Studio
  6. Crea un registro tecnico e migliora i punteggi dei Core Web Vitals

Step 1: Scarica l’API PageSpeed Insights e Collegala a Screaming Frog

Se vuoi misurare i Core Web Vitals per il tuo sito web su larga scala, devi procurarti l’API gratuita di PageSpeed Insights. 

Quindi, apri Screaming Frog e vai su Configurazione -> Accesso API -> PageSpeed Insights. Inserisci la tua chiave e clicca su “Connetti”.

Importante: la configurazione di base di Screaming Frog non include test che ti semplificheranno notevolmente la vita (ad esempio, non troverai le categorie CrUX, ma solo le metriche grezze).

Quindi, dopo aver collegato la tua API PageSpeed Insights a Screaming Frog, vai alla scheda “metriche”, espandi CrUX Metrics e seleziona “CrUX First Input Delay Category, CrUX Largest Contentful Paint Category e CrUX Content Layout Shift Category”. Se il tuo sito ha poco traffico ed è relativamente piccolo, controlla anche le CrUX Origin Category, per assicurarti di non avere completamente esaurito i dati. Quindi, fai lo stesso per le metriche Lighthouse. Infine, vai alla scheda Opportunities, dove la configurazione predefinita seleziona solo il risparmio in termini di millisecondi. Spunta le caselle per tutti i KPI che ti interessano per quantificare i Kb che risparmierai su ogni singolo URL.

La scheda Diagnostica è esclusa per impostazione predefinita, ma non esitare a controllarla se desideri avere un controllo completo.

Step 2: Scansiona il tuo Sito Web

Lascia che Screaming Frog esegua la scansione del tuo sito web (non dimenticare di escludere il traffico del bot di PageSpeed Insights prima di premere Esegui) e controlla tutte le URL, una per una, per il punteggio Core Web Vitals. Se il tuo sito web è estremamente grande, puoi elencare la scansione delle pagine più visitate in modo da dedicare tempo ed energie solo agli URL critici.

Step 3: Esporta la Scansione

Molto bene! La scansione è terminata, le API di PageSpeed hanno svolto il loro lavoro e ora hai tutti i dati e i consigli di cui hai bisogno per affrontare i tuoi scarsi risultati. Ora è il momento di esportare la tua scansione e inserire i tuoi dati PageSpeed in un foglio Excel. Sempre da Screaming Frog, vai alla scheda PageSpeed, premi esportazione e ottieni tutti i tuoi dati su Excel, dove può verificarsi parte dell’analisi e dei rapporti.

Step 4: Elaborare i Dati su Fogli Google

Ora che hai tutti i dati, dopo averli analizzati da Screaming Frog (che ti dice a colpo d’occhio quanti URL stanno segnalando i consigli di PageSpeed Insights), puoi individuare i tuoi frutti bassi.

Ora che hai tutti i dati, dopo averli analizzati da Screaming Frog (che ti dice a colpo d’occhio quanti URL stanno segnalando i consigli di PageSpeed Insights), puoi individuare i tuoi frutti bassi.

Se hai scansionato solo le pagine essenziali, puoi eliminare le colonne non necessarie, raggruppare i dati e conservare ciò di cui avrai bisogno per la tua analisi.

Ricordati di eseguire tutte le operazioni di pulizia necessarie ora, poiché il file fungerà da fonte per il rapporto di Data Studio.

Consiglio: per visualizzare i risparmi come Kb, Mb ecc., vai su Excel->Formato->Numero->Altri formati->Formato numerico personalizzato e aggiungi la seguente stringa: 

[<1000000]0,00,” KB”;[<1000000000]0,00,” MB”;0,00,,” GB.

Step 5: Crea un Rapporto di Data Studio

La visualizzazione è essenziale quando si tratta di dati e avere un report interattivo che ti aiuti a navigare tra le diverse aree di CWV su cui il tuo sito web deve migliorare è vitale ora che la Page Experience è ufficialmente un fattore di ranking.

Lazarina Stoy ha risparmiato a tutti un sacco di lavoro creando una dashboard di Data Studio che mostra le prestazioni CWV per ogni URL del sito web. Per configurarlo correttamente, fai una copia, usa il tuo precedente foglio Google come fonte e aggiungi CrUX come altra fonte, usando l’indirizzo del tuo sito web. I dati CrUX verranno visualizzati nei grafici, mentre i dati precedentemente scansionati ti permetteranno di popolare le tabelle. Puoi ordinare i dati in base ai risparmi più considerevoli, filtrare per sezioni del sito web e farti un’idea sui punti su cui lavorare per migliorare il tuo sito. Questa dashboard è utile per il personale interno o per gli specialisti delle agenzie che desiderano aiutare i propri clienti a visualizzare le prestazioni di Core Web Vitals.

Step 6: Creare un Registro Tecnico e Migliorare i Punti Vitali Web Principali

Grande. Hai analizzato il tuo sito web, studiato Core Web Vitals e creato un bel report. Ora inizia la parte seria; implementando ciò che abbiamo imparato in modo che, in un futuro non lontano, la dashboard sia inutile poiché supererai ogni test CWV a pieni voti.

Quando si tratta di migliorare il lato tecnico di un sito, mantenersi organizzati è essenziale e l’ottimizzazione CWV non è diversa. Devi redigere un documento che sia leggibile per il tuo cliente/team di marketing e che gli sviluppatori capiscano. Usa i colori per tenere traccia dei completamenti e dichiarare esplicitamente chi è responsabile di cosa. Assegna la priorità alle attività di conseguenza e cerca di quantificare lo sforzo nel miglior modo possibile.

Sappiamo che sviluppatori e SEO non parlano sempre la stessa lingua, ma qui è fondamentale che tutte le parti interessate siano allineate, poiché l’obiettivo di tutti è lo stesso: migliorare le prestazioni del tuo sito Web e quindi il posizionamento.

In GA Agency, utilizziamo questo semplice ma accurato Foglio di monitoraggio dei progressi CWV. Include tutto ciò di cui hai bisogno, collegamenti pertinenti ai suggerimenti per gli approfondimenti di PageSpeed, la definizione delle priorità e lo sforzo richiesto.

Sentiti libero di farne una copia e usala per i tuoi scopi.

Il Mio Sito Web non Supera i Test Core Web Vitals: Cosa Faccio?

Niente panico. Come accennato in precedenza, gli studi dimostrano che finora solo il 4% su 2 milioni di URL analizzate soddisfa tutti gli standard Core Web Vitals. Si posizionano ancora, perché i buoni contenuti e l’autorità tendono a vincere.

Tuttavia, avere un piano per rendere la tua UX il più agevole possibile dovrebbe sempre essere una delle tue priorità principali, poiché influisce direttamente sia sulla qualità del tuo traffico che sul posizionamento del tuo sito web.

Ci sono due soluzioni al tuo problema:

  1. Torna all’inizio dell’articolo e inizia a lavorare per migliorare il tuo sito web: puoi farcela! Inizia da questo post e dai nostri cinque suggerimenti per prepararti all’aggiornamento di Page Experience di Google.
  2. Richiedere servizi di consulenza SEO. Se ti muovi in acque incerte in termini di SEO, è facile commettere errori che non sarai in grado di rintracciare. Affidati a un partner esperto e rimetti in sesto la tua SEO. Ottieni un servizio completo che affronterà sia i tuoi problemi tecnici che di contenuto, assicurandoti di sfruttare al meglio le tue opportunità online con una strategia SEO a 360°.

GA AGENCY

Agenzia di marketing digitale a 360 gradi